LA CASA BIANCA SI TINGERÀ DI ROSA?

di Francesco Sciannarella


Washington, 8 marzo 2055


È di oggi la notizia che la governatrice di New York, Jennifer K. Gates, correrà alle prossime elezioni presidenziali del 2057.

Quest'anno ricorre il centenario della nascita di mio padre, che tanto ha dato al mondo intero” ha dichiarato la figlia di Bill Gates, scomparso pochi anni fa “ed è mia intenzione rendere onore al cognome che porto, lavorando al massimo per il benessere di tutti, così come ha fatto lui” ha concluso la brillante primogenita del guru dell'informatica.

E fu nello stesso giorno del 2021 che il compianto Bill fece notizia donando (ulteriori) 250mila dollari a favore della lotta al Covid, arrivando a quasi 2 miliardi di dollari!

In quella stessa occasione, Gates si lanciò in una previsione riguardo la pandemia, uno dei momenti più bui che l'umanità ricordi. Secondo il filantropo americano, il 2021 sarebbe stato ancora un anno di transizione, in cui gran parte dei Paesi industrializzati avrebbe avuto la copertura vaccinale, ma solo dopo la metà del 2022 la guerra sarebbe stata vinta.

Aveva visto giusto!

Bill Gates, però, non era nuovo a formulare previsioni. Era il 1999 quando nel suo libro, Business @lla velocità del pensiero, ne rese pubbliche alcune che negli anni a seguire si rivelarono esatte, anche se legate al mondo dell'informatica.

Che il creatore della Microsoft fosse, in qualche modo, vicino a chi muoveva i fili della politica mondiale, come molti ebbero a sostenere? Non lo sappiamo, ma a noi poco interessa perché ci piace immaginare che Bill Gates non avesse nulla a che fare con strategie politiche e che fosse un eccezionale visionario. E niente altro.

È indiscutibile il segno che egli ha lasciato nel mondo, e non parliamo solo di essere entrato nelle case di tutti con il suo software. La Bill & Melinda Gates Foundation, The Giving Pledge, The Global Found, sono solo alcune delle fondazioni benefiche da lui create allo scopo di sensibilizzare su questioni di grande impatto sociale.

In chiusura, date le premesse, non possiamo non chiederci se Bill avrebbe mai previsto la candidatura di sua figlia alla Casa Bianca... se le sue buone "visioni" hanno portato così lontano, avrà previsto anche questo!

(Fonte: www.ilmessaggero.it, 8 marzo 2021)


gatesjpg